La chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi

Elvio Bombonato

scCondivido pienamente le allarmate preoccupazioni espresse dai Sindacati scuola di Alessandria nel loro comunicato unanime del 22/7/2016 (leggi), in cui illustrano i pericoli insiti nella chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi, sia per l’incontrollabile discrezionalità,  sia per la valanga di ricorsi e controricorsi da cui saranno colpiti dai docenti che si riterranno danneggiati.   Citano anche il business delle Agenzie formative che rilasciano attestati di specializzazioni più disparate. Continua a leggere

L’utile ed il superfluo

Domenicale Agostino Pietrasanta

ntHo sempre pensato, come tutte le persone di buon senso, che ci siano cose ed affermazioni inutili e dunque superflue, altre, al contrario, utilissime; e non solo nel quotidiano del vivere comune, ma anche nelle questioni più generali che potrebbero riguardare il bene comune.

Succede così che ritenga del tutto inutile ripetere alla nausea che per la Turchia non c’è più spazio nella Comunità europea e ritengo del tutto superfluo che l’Europa si ponga ancora questo problema, dal momento che il dittatore sanguinario di tal Paese ha già affermato di voler sospendere tutti gli impegni che attengono i diritti umani. Continua a leggere

La grande incertezza

Marco Ciani

moonNell’ultimo mese abbiamo registrato una sequenza di eventi terribili che hanno precipitato il mondo nello sconforto. Li riepiloghiamo:

24 giugno. referendum sulla Brexit, vinto dai sostenitori dell’uscita dall’Unione Europea;

1° luglio. Attentato a Dacca, nel Bangladesh. Muoiono 22 civili, di cui 9 italiani, e 5 attentatori. Gli assassini sono islamici provenienti da famiglie benestanti; Continua a leggere

Policy sulla pubblicazione dei commenti

La Redazione di Ap

comA fronte del numero crescente di commenti, ribadiamo le regole per l’accettazione degli stessi, regole che d’ora innanzi saranno applicate in modo tassativo.

  1. I commenti degli articoli sul blog Appunti Alessandrini non saranno pubblicati qualora non contengano NOME e COGNOME dell’autore.
  2. Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso.
  3. Il blog si riserva il diritto di non pubblicare e cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano – a suo insindacabile giudizio – inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.

La presente policy viene pubblicata in via permanente anche sulla colonna destra del blog.

Un futuro popolare solo clerico moderato?

Carlo Baviera

dossetti_degasperi6047_img

Sul numero 10 della Rivista Il Regno attualità un articolo tratta delle manifestazioni che hanno caratterizzato in Francia il movimento popolare <Manif pour tous> contro la teoria “gender”. E di come quelle manifestazioni abbiano sorpreso i commentatori, rilanciando in qualche modo una presenza pubblica del cattolicesimo (alleato nell’occasione ad altre fedi religiose e laiche). Diciamo che ha rappresentato un contropiede inaspettato dopo decenni di laicità e di una presenza religiosa irrilevante e ininfluente sul piano pubblico. Continua a leggere

Erdogan, consenso e democrazia

Agostino Pietrasanta

isl

Avrei aspettato l’occasione del “domenicale”, ma allo spettacolo di migliaia di oppositori, soprattutto militari raccolti nelle palestre e nelle stalle turche, denudati ed umiliati, in attesa di un destino precario, senza escludere un massacro venturo ed assai prossimo, mi ha indotto a qualche ragionamento sui sistemi istituzionali basati sul consenso, nonché ad una schematica elencazione delle opzioni democratiche. Aggiungo, per la precisione, ma non sarebbe neppure necessario, che non la pretendo certo ad alcuna sistematicità. Continua a leggere

Cittadella e Generali

Dario Fornaro

citC’è la possibilità – tutt’altro che remota o meramente provocatoria – che questa città  si accinga, o addirittura si sia già avviata, a dare il peggio di sé stessa  sulla annosa questione Cittadella. Da un lato, infatti, si spargono gli annunci che, specie dopo l’apparizione dei 25 milioni governativi, stiano maturando velocemente gli attesi programmi di intervento, conservativo ed evolutivo, sull’insigne monumento. Dall’altro, resta totalmente impregiudicato, almeno a livello di cittadinanza, il problema di chi, di quale Ente o Istituzione, abbia titolo per selezionare e programmare responsabilmente tali interventi, e in quale visione complessiva. Continua a leggere