Riequilibrio

Qui Alessandria  Giorgio Abonante

ri.jpg

Parto subito dalla mia personalissima valutazione generale: occasione persa. I soliti interessi di breve respiro hanno impedito di compattare il Consiglio comunale su piano di riequilibrio solido da inviare alla Corte dei Conti e su una proposta forte da avanzare al Legislatore.

Un ente come il Comune di Alessandria che i compiti a casa li fa da sette anni deve godere di un trattamento diverso, non può sopportare ulteriori tagli come successo negli ultimi tre anni, periodo nel quale le assegnazioni finanziarie dello Stato sono passate da 17,5 mln circa del 2016 alla previsione 2019 di 15,5 mln (in particolare per le riduzioni sul Fondo di solidarietà e sulle compensazioni IMU). Continua a leggere

Annunci

Chi vivrà vedrà, l’amara speranza di non vedere

Domenicale Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per di maio salvini zingaretti contee

Posso cambiare opinione, ma senza svolte improvvise né eccessi squilibrati; se mi sono dichiarato contrario a eventuali convergenze tra PD e pentastellati, se ne ho sottolineato un’incompatibilità non solo per quanto attiene un’adeguata programmazione amministrativa, ma ancor più per  ispirazione politica, non mi sento ora di acquisire elementi per un diverso parere. Continua a leggere

Quarant’anni di sanità pubblica

Carlo Baviera

Risultati immagini per sanità

Lo confesso: ho deciso di farmi male da solo e di subire le invettive dei competenti e “responsabili” che da tempo spiegano come si deve procedere per riordinare e mantenere sostenibile il sistema sanitario. A naso, senza motivi scientifici a supporto, mi permetto di andare controcorrente, di essere politicamente scorretto. Continua a leggere

Ampie schiarite 9. Co-housing giovani, offerta razzista rifiutata, copyright tutelato, daspo ai falsi tifosi

Carlo Baviera

Il bene da scoprire e diffondere. Buone notizie che aprano alla speranza e alla fiducia

Co-housing fra giovani europei – Per Il CIR e Refugees Welcome Italia ha realizzato un progetto, nelle città di Roma, Torino, Milano, Bologna, Venezia, Genova, Catania, Matera, Firenze, Lecce e Verona, per  promuovere fra i giovani dell’Europa e immigrati, al di sotto dei 35 anni il co-housig. L’iniziativa servirà per un mutuo aiuto tra rifugiati e giovani studenti o lavoratori; e non si limiterà solo ad offrire la condivisione dell’alloggio, ma anche la condivisione di una rete di supporto e relazioni verso la piena autonomia. Continua a leggere

L’imperativo categorico è fermare Salvini.  Con qualsiasi alleanza

Elvio Bombonato

Mi sembra che i dirigenti del PD a livello nazionale e locale, da anni, si rivolgano a una categoria di elettori pressoché scomparsa: coloro che si interessavano di politica e la capivano. Leggo o ascolto in TV comunicati tipo: a settembre faremo un tavolo per raccogliere proposte per un progetto/programma rivolto alla Nazione (Regione Comune). E  per decidere insieme (?) le modalità per attuarlo. Ma gli italiani oggi detestano i progetti complessivi; la loro realizzazione li fa ridere o indignare, per i tempi biblici e per la corruzione onnipresente degli attuatori. Il vero tema è la burocrazia, la quale con l’avvento di internet è diventata un Moloch ingovernabile. Continua a leggere

Per un ritorno alla politica

Patrizia Nosengo

sda.jpg

(Il dibattito intrapreso da Ap sulla crisi della democrazia liberale si arricchisce di un nuovo, preziosissimo intervento di Patrizia Nosengo, che segue i contributi di Ciani, Lama, Borioli, Pietrasanta e i due saggi di Livorsi, il primo sui fondamenti e il secondo sul futuro del sistema politico. Ap)

 

“L’agorà è deserta o, al massimo, risuona di un continuo fluire di cinguettii che seguono cinguettii nelle sconfinate praterie informatiche di twitter”[1], scrive Salvatore Veca, sintetizzando in una rapida ellisse l’epifania della condizione presente della società e della politica italiane e più in generale occidentali, contraddistinte, a partire dagli anni Ottanta e Novanta del secolo scorso, da una progressiva crisi della democrazia liberale, dallo sgretolamento dei quadri valoriali di riferimento della Modernità, dalla distruzione della cultura e dal vero e proprio tramonto della politica. Continua a leggere

Il “sovranismo” del mio colonnello e la (in)fallibilità del Papa

Domenicale Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per sovranismo papa francesco

 Mi arrabatto, da qualche tempo, in un enigma, un nodo pressoché gordiano e non riesco a venirne a capo. Se tutti hanno diritto di sbagliarsi, salvo ravvedersi,  perché all’elettore un diritto tanto basilare viene negato?. Mi ingarbuglio senza via d’uscita, dal momento che, è ben noto, l’elettore ha sempre ragione. E siccome si tratta della maggioranza degli Italiani dopo il traguardo dei diciotto anni, almeno in un’occasione non sbagliano mai: quando vanno a votare. Che scelgano Lega, Partito Democratico (PD), che preferiscano i Pentastellati condotti da Di Maio o i Fratelli d’Italia moderati dalla Meloni, che si affidino ai vari cespugli della Sinistra, nati dalla libidine della divisione ben conosciuta, che continuino a credere in Berlusconi o infine (la maggioranza relativa) che non vadano a votare hanno comunque e sempre ragione. Continua a leggere