E Trump sia

Angelo Marinoni

tr

È venuto il giorno dell’insediamento di Trump: buona parte della vecchia e cara Europa, me compreso, aveva ritenuto questo evento impossibile e attendeva l’esito delle elezioni americane solo per vedere il margine con cui la Clinton avrebbe vinto per poter pontificare le sue ragioni nel dibattito politico interno citando l’esempio americano. Continua a leggere

Manca una vera cultura della verifica (e dell’antimafia)

Carlo Piccini

libIniziative di verifica e di monitoraggio civico disturbano da sempre gli affari delle mafie, le quali di norma prima reagiscono attraverso i loro sponsor ed i loro prestanome per tentare di delegittimare e screditare ogni forma di partecipazione democratica, poi passano all’intimidazione fino ad arrivare, nei territori a più elevato controllo criminale, alla violenza fisica.

Un buon antidoto per non lasciare che la nostra società si rassegni alle deleghe in bianco ai capi-bastone di turno, è proprio verificare e monitorare il lavoro dei politici e degli amministratori democraticamente eletti, chiunque essi siano e quale che sia il loro colore. Continua a leggere

Pedofilia e suicido

Domenicale Agostino Pietrasanta

pdeoDue cose sono certe: Tonino Marci è accusato e imputato di violenza sessuale su minori, già impegnati nelle squadre di calcio giovanili affidate alle sue “responsabilità tecniche”; inoltre, incarcerato, dopo tre giorni di detenzione, è deceduto per soffocamento. Il resto è avvolto nel mistero che, ci si augura, sarà chiarito dopo l’acquisizione definitiva delle risultanze dell’autopsia.

L’accusa è pesantissima, di quelle che suscitano immediate reazioni di sdegno; non sta a noi aggiungere ulteriore giudizio, mi limito a tre osservazioni di quadro, sempre con l’avvertenza che la colpevolezza penale la decidono i processi e non le canee, sia pure spiegabili, della piazza. Continua a leggere

Riflessioni sulla Shoah

Elvio Bombonato

shMi aggancio all’articolo scritto da Agostino Pietrasanta “Se l’orrore diventa incredibile” pubblicato su Appunti Alessandrini il 15/1/2017, che ricorda la figura di JAN KARSKI. Aggiungo solo che a Torino ci sarà una mostra a lui dedicata a Palazzo Da Pozzo della Cisterna, e ricordo la terribile testimonianza (riguardante lo sterminio in atto degli ebrei, di lui cattolico praticante, che invano cercò di convincere ad intervenire Churchill e Roosevelt, sostanzialmente disinteressati) resa piangendo al regista CLAUDE LANZMANN, autore del celebre documentario “SHOAH”. Continua a leggere

Angelo Muzio, una vita per la Politica

Fabio Scarsi (*)

amL’improvvisa morte di Angelo Muzio, ieri, ha colto completamente impreparata, lasciandola  sgomenta, tutta la nostra comunità politica.

Angelo, nato nel 1959, aveva una storia di straordinario spessore: il suo impegno iniziò nel sindacato, e, ancora molto giovane, lo portò nel 1992 alla prima elezione alla Camera dei Deputati nelle liste di Rifondazione Comunista. Come deputato, Angelo, rieletto nel 1994 e nel 1996, svolse tre mandati. Poi nel 2001 fu eletto Senatore nelle file dell’Ulivo. Continua a leggere

Dio non castiga e non si vendica

Carlo Baviera

cadUn Viceministro israeliano, lo scorso anno, ha inveito  contro la decisione del nostro governo, per l’astensione italiana sulla risoluzione dell’Unesco che esclude riferimenti storico-politici ebraici sull’area del Monte del Tempio di Gerusalemme, dove sorge anche la spianata delle Moschee, affermando che il terremoto è la conseguenza di quella decisione.

Dio avrebbe punito l’Italia per quel voto. Una battuta infelice ed offensiva oltre che errata. Il Viceministro ha in seguito corretto il tiro e si è scusato; così come l’Italia ha dichiarato di non ripetere la propria svista. Continua a leggere

Grazie Monsignor Hilarion Capucci

Mara Scagni

mhSeppur febbricitante non potevo non essere presente alla cerimonia funebre tenutasi a Roma per salutare Monsignor Capucci, un fraterno amico di famiglia per molti noi alessandrini che abbiamo avuto la fortuna non solo di conoscerlo personalmente ma anche di condividere la sua determinazione per la questione palestinese mediorientale e ultimamente la sua ansia per la Siria.

Mentre tutto il mondo dava l’addio al 2016 e festeggiava l’arrivo del nuovo anno ci e’ arrivata direttamente dalle amiche di Ramallah la notizia della scomparsa del nostro Arcivescovo di Gerusalemme in esilio. Continua a leggere