Università, alti e bassi

Qui Alessandria  Dario Fornaro

uniRealtà solida ma non consolidata. Con un (discutibile) gioco di parole si potrebbe descrivere la situazione, vista dall’esterno, dell’Università “Avogadro” o del Piemonte Orientale.  Solida, come ateneo statale con ormai 15 anni di vita alle spalle; non consolidata, in quanto mutevole aggregato “tripolare” di facoltà  pur ricomposte, come da riassetto generalizzato, in dipartimenti. Un aggregato, già abbastanza artificioso in partenza (anche se fu largamente salutato come un pregevole Continua a leggere

Un annuncio che provoca conseguenze sociali

Carlo Baviera

pafLo confesso. Era da qualche tempo che aspettavo di ascoltare qualche critica o obiezione riguardo a Papa Francesco. Denuncio il mio peccato di pregiudizio; ma vedere tutto l’entusiasmo che si è (giustamente) manifestato dopo la sua elezione e per i primi significativi gesti mi sembrava strano. Possibile che all’improvviso le varie anime che formano la Chiesa si fossero ritrovate in quello stile, in quelle parole, in quei richiami, soprattutto in quel fuggire da procedure e ritualità consolidate? Continua a leggere

Cesarino Fissore: non solo “libraio”

Agostino Pietrasanta

fisSarà stata la definizione a lui più gradita ed, in certo senso congeniale, sarà stato il senso di discrezione di chi gli fu più caro; resta il fatto che quella qualifica, riportata anche sull’annuncio della sua morte, non può dispiacere a nessuno dei suoi tantissimi amici e dei suoi numerosi conoscenti. Cesarino Fissore fu un libraio di grandissimo talento; eppure ha ragione da vendere chi, ben più autorevole di me, ha osservato che l’espressione, veritiera fin che si vuole, riesce, alla fine, riduttiva. In effetti fu un promotore di cultura e lo fu nell’unico modo  accettato dagli alessandrini, persone un po’ appartate, ma concrete. Non pretese mai di lanciare grandi messaggi, né di esprimere tonalità cariche di retorica; semplicemente seppe riconoscere le qualità culturali dei suoi concittadini Continua a leggere

Il processo di formazione europea: il primato della sfida culturale

Don Walter Fiocchi

(Ultimo, importante intervento, a un mese dalle elezioni europee, questa volta da parte di don Walter Fiocchi, nel ricco dibattito sul futuro del Vecchio Continente promosso da Ap. Nei prossimi giorni le conclusioni di Agostino Pietrasanta. Richiamiamo i precedenti contributi di Marco Ciani “Un’idea di Europa”, Angelo Marinoni “L’Europa degli europei“, Daniele Borioli “Attenti ai pifferai dell’ antieuropeismo“, Carlo Baviera “L’Europa: una “espressione geografica”?“, Dario Fornaro “Grecia chi?” e Andrea Zoanni “Avanti con l’Europa federale“. Ap)

prÈ di fronte agli Europei una sfida che non ha precedenti. Si sta tentando di fare qualcosa di unico sia per la sua portata economica e sociale, ma anche e forse soprattutto nel metodo: si cerca di modificare il concetto di sovranità nel rapporto tra gli stati europei e, demo­craticamente, con il concorso degli stati, percorrendo nello stesso tempo la strada dell’allarga­mento e dell’integrazione.

Una sfida veramente epocale che coinvolge tutti gli aspetti della vita so­ciale del continente, anche quelli culturali e religiosi della convivenza Continua a leggere

Ecce Homo!

Andrea Zoanni

ecce“Ora vado da solo, discepoli miei! Anche voi andatevene da soli! Così io voglio. Andate via da me e guardatevi da Zarathustra! Ancora meglio: vergognatevi di lui! Forse vi ha ingannato.

L’uomo della conoscenza non soltanto deve saper amare i suoi nemici, ma deve anche saper odiare i suoi amici.

Si ripaga male un maestro, se si rimane sempre scolari. E perché non volete sfrondare la mia corona? Continua a leggere

Pensieri di un peccatore penitente

Domenicale Agostino Pietrasanta

BERNon mi capita, se non raramente, di seguire la trasmissione di celebrazioni religiose; quando posso vi partecipo di persona. Tuttavia domenica scorsa, giorno delle Palme, mentre oziavo per casa, a televisione accesa, mi ha colpito un passaggio dell’omelia di papa Francesco, ed il commento relativo, della corposa descrizione che l’evangelista Matteo fa della passione di Cristo.

Sentivo con attenzione le varie proposte, contestualizzate, che si susseguivano sulla personalità dei vari protagonisti e mi incuriosivano Continua a leggere