Una nuova rubrica

Carlo Baviera

PuntoaCapo

La storiografia si concentra ultimamente, pur senza dimenticare la grande storia e i grandi eventi che la caratterizzano, anche sulle storie locali, su aspetti legati ad esperienze di gruppi e personaggi periferici. E questa attenzione è frutto della necessità di approfondire e capire meglio le vicende più generali, come queste siano state recepite e condivise in provincia, e come dai territori potessero arrivare sollecitazioni o critiche o sostegni a quanto si andava sviluppando a livello nazionale o regionale. Così è anche riguardo alla Democrazia Cristiana e alle sue correnti di pensiero. Continua a leggere

Annunci

Larghe intese senza obiettivo

Domenicale Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per renzi berlusconi

Salvo imprevisti ed imprevedibili scenari, al netto della fiducia nei sondaggi preelettorali, il voto del prossimo 4 marzo, eleggerà un Parlamento senza la prospettiva di una qualsiasi maggioranza e dunque senza la possibilità di assicurare un governo al Paese. Continua a leggere

Parere sull’eccidio di Porzus

Elvio Bombonato

Risultati immagini per TITO TOGLIATTI

Angelo Augello (22 anni); Antonio Cammarata (22); Antonio Previti (26); Egidio Vazzas (23); Elda Turchetti (21); Enzo D’Orlandi (22); Francesco De Gregori (34); Franco Celledoni (26);  Gastone Valente (31); Giovanni Comin; Giuseppe Sfregola (23); Giuseppe Urso (21); Gualtiero Michielon (24); Guido Pasolini  (19); Pasquale Mazzeo  (21); Primo Targato (21); Salvatore Saba (23). Continua a leggere

La triade magica: Ferrero, Pellizzari e Fink

Nuccio Lodato

Alla cara memoria di Grazia Pierallini,
comune amica di tutti quanti noi cinque

La scomparsa di Roberto Prigione, intervenuta un mese fa a 76 anni (1), ci ha privati di uno degli ultimi testimoni diretti e compartecipi della vita di una rivista, «Cinema Nuovo», quindicinale a rotocalco dal 1952 al 1958, e bimestrale da allora alla cessazione, intervenuta nel 1996 con la scomparsa del suo fondatore, Guido Aristarco. Continua a leggere

Perché vado a votare e come scelgo

Domenicale Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per elezioni 2018

Andrò a votare. Mi tocca, come cittadino e come cristiano. Intanto ne traggo indicazione dalla Carta che afferma il diritto del cittadino a concorrere alla determinazione della politica nazionale. Certo il mezzo della “concorrenza” dialettica viene a mancare dal momento che mancano i partiti politici, ma il soggetto “cittadino”, a mio sommesso parere, non può rinunciare al succitato diritto. Inoltre sono convinto che quando si lascia uno spazio alla deriva e al vuoto, c’è sempre qualcuno che provvede a sostituirne presenza e magari quella della distruzione della “città dell’uomo”. Continua a leggere

Periferia e visioni periferiche

Angelo Marinoni

Immagine correlata

Una delle dimostrazioni della distanza della classe dirigente dal mondo che dovrebbe saper dirigere è nella difficoltà a prendere coscienza della fine del concetto di periferia: le periferie non esistono più e allo stesso modo non esistono i centri nel senso socio-economico, esistono delle aree che assumono un ruolo guida e i cui confini sono incerti e in continuo movimento. Continua a leggere