Dal dire al fare: nel Monferrato a… Caccia di Moncalvi!

Nuccio Lodato

(Il numero 167 (settembre-ottobre) in edicola del bimestrale vogherese di cultura e turismo “Oltre” è caratterizzato da un corposo “Primo piano” dedicato all’opera pittorica di Guglielmo Caccia detto il Moncalvo e della figlia suor Orsola Maddalena, con articoli di Manuela Bonadeo e Lia Giachero, corredati da un apparato documentario introduttivo curato da chi scrive. Ad esso si rimanda l’eventuale lettore desideroso di ulteriori dettagli e approfondimenti (www.oltre.eu). NL) Continua a leggere

Annunci

Lepanto e la tenacia del simbolo

Dario Fornaro

Risultati immagini per battaglia di lepanto

La commemorazione della Battaglia di Lepanto ( 7 ottobre 1571) tenutasi nei giorni scorsi a Bosco Marengo, in “casa” di Pio V,  con una tavola rotonda ampiamente ripresa dalla “Stampa” (8.10. us.), è stata anche l’occasione, per il giornalista (P.B.) e poi anche per me, di ripescare il volumone di Alessandro Barbero (appunto, “Lepanto – La battaglia dei tre imperi”, denso di 769 pagine, edito da Laterza nel 2010) e verificare il rapporto tra storia “laica” dell’evento e persistenza  del simbolo popolare del conflitto senza quartiere  tra grandi religioni. Continua a leggere

Era il caso?…

Il punto  Gian Piero Armano

L’11 ottobre la  liturgia della Chiesa ci invita ad onorare la memoria di Giovanni XXIII, il papa della pace, della enciclica “Pacem in terris” che nel 1963 ha invitato tutti, credenti e non credenti, a considerare il “disarmo integrale” e il rifiuto della guerra in quanto “incubo di un uragano” e “fenomeno assurdo (alienum a ratione)” (cfr. bb. 60, 61, 67). Continua a leggere

Identità rimossa di cattolici in politica

Domenicale Agostino Pietrasanta

stu

Scontato un impossibile percorso per la ricompattazione della presenza cattolica nella costruzione della città dell’uomo, residuano alcuni gruppi che non solo richiamano la validità attuale di alcuni principi di valore, ma ne cercano le conseguenti vie di realizzazione. Non mancano neppure interventi autorevoli di quotidiani laici che si interrogano sulle prospettive ancora aperte per i cattolici e, con sempre maggiore frequenza, indicano nella Chiesa una risorsa possibile. Continua a leggere

Profeti del ‘900 .. e coerenti conseguenze

Carlo Baviera

Risultati immagini per primo mazzolari lorenzo milani

Il 20 giugno Papa Francesco ha reso omaggio, con visita privata, a due profeti del ‘900, a due sacerdoti coraggiosi e incompresi: don Primo e don Lorenzo.

Su di loro abbiamo letto di tutto. Si è scritto molto, si sono fatti filmati televisivi; si sono realizzate negli anni riabilitazioni tardive.

Le loro intuizioni, le loro posizioni, le loro “critiche” sono state più volte affrontate, sviscerate, giudicate, giustificate, riproposte; si sono attribuiti loro riconoscimenti postumi quali riferimenti per la fede e di civismo. Continua a leggere

E Dio li creò maschio e femmina… E’ davvero così?

Mauro Fornaro

Domenica scorsa è apparso su La Stampa un lungo articolo di Enzo Bianchi, fondatore della Comunità di Bose: trattasi di una sintesi della lezione magistrale da lui tenuta al Festivalfilosofia di Modena col titolo “Maschio e femmina Dio li creò”. Il giornale dal canto suo titola l’articolo in prima pagina “Maschio e femmina secondo la Genesi” e prosegue all’interno con un’intera pagina (la  20 e inizio pagina 21), abbellita dalla riproduzione a colori del famoso quadro di Brueghel, Il giardino dell’Eden. Continua a leggere

Ritenersi credenti cattolici… e poi?

Gian Piero Armano

Risultati immagini per Massimo Biancalani

Celebrando la liturgia della 22^ domenica del tempo ordinario (domenica scorsa, 3 settembre) è stato letto un breve brano di S. Paolo contenuto nella lettera inviata ai cristiani di Roma, nel quale si raccomanda la fedeltà alla propria coscienza e alla chiamata di Dio, con le parole: “non conformatevi a questo mondo…”.

La mentalità mondana, si sa, può insinuarsi ovunque e in tutte le persone, anche in quelle appartenenti al mondo religioso e in coloro che, pur avendo buone intenzioni, si lasciano prendere dalla sete di potere, dalle loro manie religiose, dal godimento del possesso, confondendo tutto questo con la volontà di Dio. Continua a leggere