Elogio della Val Borbera

Elvio Bombonato

Immagine correlata

Nella mia ricerca dell’Italia che non c’è più o che va scomparendo, non poteva mancare il convinto elogio della Val Borbera e dei suoi abitanti.

A un’ora di auto da Alessandria (prima di Serravalle si prenda l’autostrada uscendo a Vignole: pedaggio 40 cent), oppure utilizzando le efficienti Autolinee Val Borbera linea Cabella-Novi, esiste un paradiso incontaminato: la Val Borbera, col torrente omonimo di 38 km, celebre per le “Strette”: 10 km di gola a picco (una forra pascoliana profonda 100 metri), con anse e meandri, dove si fa il bagno, siccità permettendo. Continua a leggere

Inventario, quasi sorprendente, di una nostra eccellenza Una provincia piena di musica

Nuccio Lodato

Sarà l’ orchestra del teatro Regio di Torino ad inaugurare il Festival Perosiano “Perosi 60”

Se ci guardiamo attorno, effettivamente, alla prima impressione sembrerebbe che non ci sia molto da stare allegri: i nostri capoluoghi territoriali -per non dire dei piccoli centri, che in certe ore della giornata parrebbero spopolati, e in altre mutati in case di riposo a cielo aperto- sembrano demotivati, disillusi, scettici: pare che la gente abbia perso, con le aspettative individuali e collettive, un po’ persino la voglia di stare al mondo e di godersi il dono dell’esistenza. Continua a leggere

La pagella “QV”

Dario Fornaro

0xg7grua1084-u10101575689345heg-252x205-kkjb-u10602743969307q7b-700x394lastampa-it

Come ad ogni inizio di dicembre il quotidiano economico  “24 Ore” mette a classifica le province italiane in base all’indice sintetico della “Qualità della Vita” – abbreviamo in “QV”- che designa la scala dei vantaggi/svantaggi dei quali godrebbero i residenti (persone fisiche o giuridiche) nelle varie zone amministrative (da ultimo 110) testé sfuggite, tra l’altro, alla decapitazione referendaria. Continua a leggere

Diventiamo grandi?

Angelo Marinoni

ALRecentemente sono stati resi noti interessanti dati e deduzioni della TRT S.r.l., società di consulenza incaricata dal Comune di Alessandria circa un’analisi dello status quo in ambito mobilità e trasporti e la redazione di una linea guida per un progetto di mobilità sostenibile del capoluogo.

Non si può fare un commento di un lavoro così complesso in un articolo generalista, ma si può fare qualche osservazione circa l’iniziativa e in particolare circa il da farsi. Continua a leggere

Non è vero..ma ci credo

Dario Fornaro

ale

Giunta alla ventiquattresima edizione (a partire dal 1992) la rilevazione 2015 del “Sole-24Ore” sulla qualità della vita (QV) nelle province italiane – giunte a loro volta al bel numero di 110 – si è aggiudicata ancora un giorno o due di scalpore mediatico. Non come negli anni d’oro, allorché ci si vantava, o recriminava, ben più a lungo per il fatto di essere promossi o rimandati dalla fatidica graduatoria. Continua a leggere

Coerente espressione del cattolicesimo democratico

Carlo Baviera

COPPOParlare di un amico che entra nella “vita vera” è sempre difficile. Sono commenti che non si vorrebbero mai fare. E d’altro canto, non si può passare sotto silenzio quella che è stata una presenza preziosa, importante, nel panorama politico e sociale, non solo monferrino ma anche provinciale, di un protagonista della vita pubblica ed espressione autentica del cosiddetto cattolicesimo democratico.

Quella dell’amico Riccardo Coppo è una grande perdita per la città di Casale Monferrato, per l’intero territorio comprensoriale e per la Provincia Continua a leggere

Filippi il cardinale ed il metodo Boffo

Domenicale Agostino Pietrasanta

filMi perdonerete qualche ripescaggio nel mio incolpevole nozionismo, ma nei giorni scorsi mi è capitato di ripensare, senza alcuna volontaria malizia, al cardinale Thomas Wolsey. Costui, benché “principe” della Chiesa, non lasciò tracce di una particolare convinzione religiosa, né tanto meno di attaccamento alle norme cattoliche sull’indissolubilità del matrimonio. Per questo, quando il suo re e signore, Enrico VIII d’Inghilterra, della cui politica sua grazia il cardinale era l’ispiratore e responsabile, si innamorò di Anna Bolena e pretese dal papa il divorzio da Caterina d’Aragona Continua a leggere