Crollo della natalità e crisi dell’Occidente

Il punto Mauro Fornaro

Risultati immagini per denatalità

Massimo Gramellini col suo solito stile che punta a stupire col paradosso, ma a prezzo di non poche superficialità, si interroga nell’articolo di fondo del Corriere della sera, del 31 luglio,  sul vistoso calo della natalità nei Paesi occidentali (meglio dire Paesi europei, il fenomeno negli USA è meno avvertito) e sulle conseguenze per il futuro della civiltà occidentale. La gravità del fenomeno non sarebbe avvertita dai governanti né dalla popolazione, nonostante il fatto che la prosecuzione di questo trend porterebbe a un declino dell’Occidente e dunque a un suo ruolo secondario nella storia dell’umanità. Continua a leggere

Non se ne parla più, ma…

Gian Piero Armano

isA distanza di poco più di un mese dall’attentato terroristico di Parigi, sembra calato il silenzio, almeno qui in Italia, su quel drammatico fatto. Non so se sia un silenzio meditativo e indagatore o se, come avviene quasi sempre, i media e i mezzi di comunicazione tacciono dopo aver fatto la sparata che ha smosso per alcuni giorni l’opinione pubblica e poi tutto rientra nell’alveo del silenzio. Continua a leggere

Tra identità e accoglienza

Patrizia Nosengo

lib

(Sul tema dell’immigrazione ospitiamo oggi con grande piacere l’opinione di Patrizia Nosengo. Prosegue così la nostra analisi a più voci, dopo gli interventi di Angelo Marinoni con Osservazioni a latere del “Mare  Nostrum”, Andrea Zoanni con ImmigrazioneDaniele Borioli con Immigrazione: dopo Charlie Hebdo? e Carlo Baviera con Dagli sbarchi alle seconde generazioni).

Secondo Luigi Zoja, la paranoia, alimentata dal sospetto e dall’allusione, è una possibilità  presente in ogni essere umano, un potenziale archetipico, una sorta di tentazione onnipresente, che l’ambiente può espandere a dismisura, in un contagio pressoché illimitato. Ed è giustappunto una lieve, strisciante, ma persistente e fastidiosamente persuasiva suggestione paranoide che coglie il lettore del romanzo di Michel Houellebecq, Sottomissione, nel quale è tratteggiato il futuro prossimo venturo di una Francia ormai profondamente, seppur placidamente e quasi inavvertitamente, islamizzata, a causa dell’elevato numero di migranti musulmani e del credito, potenzialmente illimitato, dei petroldollari messi a disposizione dall’Arabia Saudita. Continua a leggere

Meriam, l’eroismo indispensabile

Domenicale Agostino Pietrasanta

meRitengo infelice, e credo di essere in buona compagnia, un passaggio epocale in cui ciò che dovrebbe essere di comune acquisizione, sia proponibile solo con atti di eroismo. Ritengo preoccupante che la libertà religiosa,  diritto che fonda il dono fatto all’uomo di ricercare Dio con il lume della retta ragione, debba essere acquisito anche col sacrificio della vita. E come credente, ritengo devastante che il dono della fede fatto gratuitamente e misteriosamente all’uomo debba trovare risposta spesso riscattata col sangue. Continua a leggere

Papa Francesco e l’insidia degli iceberg

Agostino Pietrasanta

papNon nascondo l’imbarazzo: fin che si trattava di rozze incursioni, soprattutto su alcuni media scandalistici, ma anche su alcuni (purtroppo) organi di stampa locali che mettevano in guardia gli sprovveduti cattolici dall’uso strumentale degli interventi di papa Francesco; fin che si insinuava che gli inviti alla pastorale della misericordia potevano indurre, indipendentemente dalle ingenuità del papa, i fedeli devoti in gravi errori di carattere morale mettevo tutto nel conto. Continua a leggere

Alla ricerca del nemico

Valutazioni sulla situazione “islamica” – 5^ puntata. Conclusione

Agostino Pietrasanta

Dallo scorso settembre, ci siamo impegnati a ragionare sulla situazione islamica e sui fenomeni che stanno determinando una svolta dalle caratteristiche epocali nello scacchiere medio/orientale (don Walter Fiocchi Un film può cambiare la storia?, Patrizia Nosengo Pensieri sparsi a proposito di Islam e Occidente, Sabah Naimi (intervista) Mondo islamico, mondo sconosciuto, Marco Ciani Quale futuro nei rapporti tra Occidente e Islam).

Lo staff di “Appunti Alessandrini”, vuoi direttamente, vuoi attraverso alcuni interventi di amici attenti alle situazioni internazionali, ha raccolto alcune opinioni sicuramente dialettiche ed aperte ad un confronto Continua a leggere

Quale futuro nei rapporti tra Occidente e Islam?

Valutazioni sulla situazione “islamica” – 4^ puntata

Marco Ciani

Nelle scorse settimane, Ap ha affrontato un tema che catalizzerà sempre di più in futuro l’attenzione, ovvero l’evoluzione del cosiddetto mondo islamico. Abbiamo ospitato interventi molto strutturati (don Walter Fiocchi Un film può cambiare la storia?, Patrizia Nosengo Pensieri sparsi a proposito di Islam e Occidente, Sabah Naimi (intervista) Mondo islamico, mondo sconosciutoche hanno consentito un’ampia panoramica sul fenomeno, interventi rispetto ai quali è perfino difficile aggiungere elementi originali. Continua a leggere