Multa all’accattone

Domenicale Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per accattonaggio

L’elettore, si ripete, ha sempre ragione e certamente ha le sue ragioni. Se poi, in campagna elettorale, le ragioni vengono riconosciute come tali, l’eletto dovrà dare risposta e, quando ad ogni angolo di strada si è proclamata la liberazione della città, coerenza vuole che si proceda con i dovuti riconoscimenti. Ovviamente il concetto di liberazione pone problemi di straordinaria estensione: altra cosa è liberare una nazione dai totalitarismi, oppure contrastare le esperienze devastanti del terrorismo, cosa ancora diversa evitare al cittadino/elettore la spiacevole vista dell’accattonaggio: cosa rilevante, ma senza pretesa di impraticabili confronti. Continua a leggere

Piccoli eroi delle occasioni perse

Qui Alessandria  Angelo Marinoni

Risultati immagini per palazzo rosso alessandria

Una poco nota canzone di Francesco Guccini, “le ragazze della notte”, ha un verso che trovo perfettamente congruente alla realtà che stiamo vivendo in questi mesi: “noi passeggeri di treni paralleli, piccoli eroi delle occasioni perse”.

In questo verso si sintetizza tutto l’individualismo che ci caratterizza, dal quotidiano di ciascuno alla vita politica nazionale, e che trova dimostrazione in episodi piccoli e grandi fra cui spicca, per dimensione e vicinanza, il corso delle elezioni amministrative alessandrine. Continua a leggere

Il polpettone avvelenato

Qui Alessandria  Dario Fornaro

Passano due settimane dalla conclusione del “festino elettorale” e mentre si stanno sparecchiando i tavoli compare in bella vista un robusto polpettone che i gourmet classificano subito come “pasticcio Aral”.

Polpettone e non classica “polpetta avvelenata” perché fortuna o discrezione hanno voluto che il piatto venisse servito a vicenda elettorale finita e acquisita e non durante la precedente campagna. Le polpette determinano – o possono determinare gli eventi, dipende se si addentano o no – mentre i polpettoni  raccolgono e impastano, con i gusti della polemica più accesa, le conseguenze e i seguiti pubblici di eventi già determinati secondo logiche e in ambienti non culinari. Fine della digressione sui triti di carne. Continua a leggere

Riflessioni sulla e nella sconfitta

Daniele Borioli (*)

Risultati immagini per cuttica di revigliasco

Alla fine, gli Alessandrini hanno riconsegnato la città nelle mani dei partiti protagonisti del “grande sacco” della città. Quelli che l’hanno portata negli anni compresi tra il 2007 e il 2012 nel baratro del dissesto. Quelli che, nel corso dell’ultimo quinquennio, non hanno ritenuto di dovere alla comunità s-governata neppure un accenno di mea-culpa, una riconsiderazione autocritica, neppure di fronte alle condanne pronunciate dai tribunali. Naturalmente, rivolgo questo ragionamento non alla persona del nuovo Sindaco, con il quale ho avuto in passato occasione di collaborare, né ad alcuno in particolare. Ma a un collettivo politico che, nel suo insieme, si è riproposto con forti elementi di continuità rispetto a quella disgraziata stagione. E che non ha neppure avuto bisogno di mettere in gioco chissà quale progetto alternativo per la città: gli è bastato suscitare, al secondo turno, tutto il livore ancora mobilitabile verso il Sindaco e l’amministrazione uscenti. Continua a leggere

Relatività

Angelo Marinoni

Risultati immagini per rita rossa a casa

Siamo nell’epoca della velocità: unico obiettivo e mito è essere sempre più veloci attraverso treni, aeroplani, connessioni internet, processori, macchine per la produzione industriale e ogni altro esempio in cui compaia, fra i vantaggi, la parola velocità o l’aggettivo veloce. Continua a leggere

E “Voce” slegò le campane

Qui Alessandria  Dario Fornaro

CUTPer apprezzare come merita l’evento adombrato nel titolo, occorre fare un salo indietro di cinque anni. Allorché  il ribaltamento elettorale della Giunta Fabbio-leghista – in favore del sindaco Rossa del centro-sinistra – lasciò la direzione del settimanale diocesano “Voce Alessandrina” così attonita e immagonita da “dimenticare” perfino di darne notizia ai propri lettori. Ci mise successivamente una toppa di poche righe raccontando di inopinate  consegne tra  due sindaci, casualmente uscente ed entrante. Rilevammo qui, con qualche stupore, lo strano evento in “AP” del 28.5.2012. Continua a leggere

Cumulo di macerie

Domenicale Agostino Pietrasanta

polNon mi riferisco o non mi attardo sui risultati elettorali di Alessandria, dove peraltro è stato eletto alla carica di sindaco una persona rispettabile ed un personaggio fattosi presentabile sulla scena pubblica, almeno da un ventennio a questa parte; la questione è di ben altra dimensione e di ben altra portata, rispetto alle beghe ed alle contraddizioni di casa nostra. Di tali contraddizioni sono state proposte analisi tanto numerose, quanto lucide su parecchi blog a noi ben noti e, nonostante parecchie richieste di amici lettori, non ci ritorno perché finirei per ripetermi. Ciò che avviene o è avvenuto in città non è che un sintomo, ancorché significativo di fenomeni che da tempo andiamo rilevando non senza preoccupazione. Continua a leggere