Senza futuro

Domenicale Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per culle vuote

Sembrerebbe paradossale: nello stesso giorno che l’ISTAT rileva un’ ulteriore contrazione delle nascite in Italia, arriva la decisione di dimezzare il “bonus bebè”, provvedimento in sé non certo esaltante, ma la scelta resta indicativa di una tradizionale mancanza delle sensibilità istituzionali ad una questione che riguarda il futuro della nazione. Pressoché in contemporanea si legge, con più amarezza che stupore, la notizia  di una cospicua azienda che si propone di licenziare una lavoratrice perché necessità di orari flessibili per badare ad un figlio diversamente abile (attenti alle espressioni!). Continua a leggere

Annunci

Alluvioni e incuria

Agostino Pietrasanta

Risultati immagini per livorno alluvione

Tutto è stato detto e valutato e io non farei che riproporre una litania ormai inutile, se non lo facessi per introdurre una testimonianza personale; e poiché si tratta di ricordare episodi e vicende dell’adolescenza, un minimo di commozione resta inevitabile.

Si è giustamente osservato che le case non possono essere costruite al livello dei fiumi o addirittura a ridosso delle loro sponde; è stato osservato che si sta modificando il corso di vari fiumiciattoli per costruire abusivamente, ma col beneplacito tecnicamente supportato degli organi competenti; è stato rilevato e testimoniato che si tombano, al livello del suolo, torrentacci e fossati; è stata criticata la cattiva abitudine delle caditoie (tombini) intasate nel totale disinteresse di chi dovrebbe provvedere. Continua a leggere

La fine dei padri. Da Bauman alle “nuove famiglie” di sole donne

Mauro Fornaro

Risultati immagini per padri

Con linguaggio più da guru che non da sociologo positivo Zygmunt Bauman, in un brano apparso su Avvenire del 5 settembre u.s. (tratto dal recente volume Elogio della letteratura, editore Einaudi, che riporta il dialogo con Riccardo Mazzeo), accenna alla figura del padre. La redazione di Avvenire ne fa occasione per una roboante intitolazione, “Che ne è dei padri?”, alla quale fa seguire la breve sintesi introduttiva: “In un Occidente che nega il Dio onnisciente e onnipotente si dissolve anche la figura paterna. Ma i surrogati li offre il mercato”. Continua a leggere

Crollo della natalità e crisi dell’Occidente

Il punto Mauro Fornaro

Risultati immagini per denatalità

Massimo Gramellini col suo solito stile che punta a stupire col paradosso, ma a prezzo di non poche superficialità, si interroga nell’articolo di fondo del Corriere della sera, del 31 luglio,  sul vistoso calo della natalità nei Paesi occidentali (meglio dire Paesi europei, il fenomeno negli USA è meno avvertito) e sulle conseguenze per il futuro della civiltà occidentale. La gravità del fenomeno non sarebbe avvertita dai governanti né dalla popolazione, nonostante il fatto che la prosecuzione di questo trend porterebbe a un declino dell’Occidente e dunque a un suo ruolo secondario nella storia dell’umanità. Continua a leggere

Su due episodi tra i tanti dell’ultimo giorno di scuola. Ultraismo da stadio e squadrismo studentesco

Nuccio Lodato

Quanto accaduto a Pavia e Tortona c’impone profonde riflessioni

C_2_articolo_3076204_upiFoto1F

Che l’ultimo giorno di scuola si sia a poco a poco venuto trasformando, nei lustri più recenti, in un sottile e strisciante ma non inesistente problema di ordine pubblico è noto non solo agli operatori del settore ma a qualsiasi osservatore minimanente attento e sensibile del quotidiano divenire sociale.

Da antico addetto ai lavori, per sua fortuna però preposto a una fascia di utenza di età inferiore (“secondaria di primo grado”, poi anche primaria) confesso di aver sempre temuto per l’incolumità fisica di bambini e ragazzi (anche del personale, ma questa è un’altra storia). Assistendo all’ultima uscita dell’anno, che per nessuna ragione al mondo mi sarei perso, direttamente sul portone dell’istituto, dicevo fra me e me: «Adesso, almeno, fino a settembre nessuno si farà più male qui dentro», e sicuramente quel sospiro di sollievo un po’ individualistico e ipocrita qualche mese di vita virtuale in più me lo faceva guadagnare. Continua a leggere

E’ il tempo che hai impiegato per la tua rosa che rende la tua rosa importante

Andrea Zoanni

carSono molte le domande che germogliano nella mente dopo aver partecipato ad un convegno come quello del 12 maggio nella Casa Circondariale di Pavia. Il titolo: “Esecuzione della pena: destino infausto, libera scelta incauta o persecuzione sociale. La salute mentale come chiave di lettura” lascia il campo aperto a qualunque via si desideri percorrere, per convinzione o per sperimentazione, facendo sorgere la prima quaestio che ci interroga sul maggiore bisogno oggi di profeti, o di testimoni. Continua a leggere

Allarme lilla

Angelo Marinoni

m5La recente acquisizione della quota azionaria detenuta dalla Astaldi spa della società Metro5 di Milano (linea lilla) da parte del gruppo FS impone una riflessione sulla strada intrapresa da questo paese in materia di definizione, realizzazione e gestione della cosa pubblica.

Alcuni esperti del settore hanno definito la cessione azionaria di Astaldi come il fallimento della finanza di progetto in Italia, operazione che appariva come la soluzione più efficace e sostenibile per completare l’infrastrutturazione del paese (laddove serve, non in Piemonte dove ci sono più infrastrutture abbandonate che usate). Continua a leggere