Tre problemi che riguardano la casa

Elvio Bombonato

CASA

Vorrei occuparmi di tre aspetti della tassazione sulla casa, che in Italia è ingiusta e insensata. Pensiamo al proprietario di un alloggio, che vuole affittarlo per rientrare almeno nelle spese: deve trovare l’inquilino giusto: uno che paghi regolarmente l’affitto, la sua parte di spese di amministrazione, che non dia fastidio ai vicini, che non danneggi l’appartamento, che non lo trasformi in un bivacco  con musica a tutto volume per gli amici, che non assuma comportamenti che rasentino il codice penale. Se poi per mille motivi, l’inquilino diventa moroso, cominciano i guai; il proprietario davvero ci perde la salute, tra mal di fegato, gastriti, cefalee e altra malattie psicosomatiche.

Un altro enorme e sottovalutato problema è quello della seconda casa,  Il governo crede che la    seconda casa sia posseduta a Cortina, Santa Margherita Ligure, Taormina ecc. ma non è così. Il proprietario  della seconda casa, a parte un’IMU da capogiro, deve pagare , anche se non consuma, luce gas acqua per il “servizio” fornito: un tempo pagavi solo l’allacciamento, caro, e poi il consumo, adesso c’è pure con l’IVA al 22%, deve pagare i rifiuti anche se non li  produce  ecc

Eppure la stragrande maggioranza delle seconde case non sono villette in luoghi di villeggiatura: sono l’eredità dei nonni, dei padri, che abitavano in campagna o in paese, mentre i figli per   ragioni di lavoro si sono spostati.    Niente da fare, non riesci a venderla, non riesci ad affittarla, neppure a regalarla. In molte frazioni della Val Borbera ci sono i sindaci disperati: decine e decine di case, bellissime, in pietra, completamente da rifare, i cui proprietari emigrati a fine Ottocento hanno lasciato eredi non rintracciabili. Te le danno per un euro, però devi spenderci un capitale  per rifare il tetto, gli interni, i pavimenti, gli impianti ecc.  A proposito di tetto, alcuni lo tolgono per far accatastare la casa come rudere ed evitare  così di pagare le tasse; ma dopo pochi anni un rudere lo diventa per davvero, e magari allora dovrai spendere per rimuovere le macerie

Esiste poi un terzo problema, che ignoravo e in cui sono inciampato per puro caso. In molte agenzie immobiliari, il cui lavoro è improbo, senza orari, in una giungla di leggi sovrapposte, decine di pratiche e obblighi da ottemperare senza commettere errori, per ricevere come compenso una rata di affitto,  compare un cartello  per avvertire che se colui che vuole prendere l’immobile in affitto non presenta la busta paga, l’appartamento non gli viene dato.  Attenzione:   non mi riferisco solo agli extracomunitari, pensiamo agli alessandrini che da un giorno all’altro perdono il lavoro, poi l’alloggio e rimangono ospitati da parenti e amici, alla ricerca disperata di un appartamento da prendere in affitto.

Ora, poiché le case vuote in Alessandria sono migliaia, accade che qualche padrone di casa se ne approfitti, concedendo l’affitto anche in assenza di busta paga, a prezzi astronomici, magari di case fatiscenti del centro storico, con l’impianto elettrico da rifare , non avendo eseguito quanto previsto dalla legge 46 del 1990, e quindi pericoloso, soprattutto se manca il salva vita interno (e se i fili sono marci o addirittura ancora quelli della corrente a 125 volt),  che è tarato diversamente da quello centrale, mi spiegava il cortesissimo Ispettore dei Vigili del Fuoco da me interpellato telefonicamente (esiste un encomiabile Ufficio Prevenzione che fornisce informazioni ai cittadini) è molto più sensibile, scatta subito, e meno male,  soprattutto se  in casa ci sono bambini che infilano le dita bagnate nella presa.  E’ quello che ci fa imprecare  quando mettiamo contemporaneamente ferro da stiro e lavatrice in funzione, ma è quello che ci salva la vita: è soprannominato appunto salva vita.

Vengono così talvolta firmati contratti d’affitto con condizioni capestro, del tutto illegittime. La normativa a riguardo è precisa e ineludibile;  non si può  accollare all’inquilino tutte le spese di  amministrazione, che invece vanno suddivise, altrimenti a cosa servirebbero gli Amministratori che compilano i bilanci preventivo e consuntivo?  Pretesti pretestuosi per non restituire la caparra versata al momento del contratto, menzogne a volte clamorose, per nascondere le condizioni fatiscenti dell’alloggio.  Contratti d’affitto di tal genere sono nulli, perché contraddicono le leggi dello Stato. Attenzione: l’Agenzia delle Entrate si limita a registrare via mail il contratto di affitto: registrare non significa approvare; altrimenti dovrebbero leggerseli tutti e compiere una visita ispettiva nell’alloggio per verificare se quanto scritto nel contratto corrisponde a verità.  Il che è materialmente impossibile,  di quanti dipendenti dovrebbero dotarsi?

Non sono competente sul ramo;  ho chiesto a un amico avvocato civilista, tra i più noti in città, che cosa potrebbe  fare un disgraziato per difendersi da questo che a me pare un vero e proprio ricatto. Mi ha detto che non è necessaria una denuncia, basta, a seconda dei casi,  una segnalazione scritta all’Ufficio tecnico del Comune, ai Vigili del Fuoco, all’Agenzia delle Entrate, alla Guardia di Finanza: sarà loro competenza decidere in quali casi intervenire e come. Mi sembra  un’informazione preziosa.

Annunci

5 thoughts on “Tre problemi che riguardano la casa

  1. Complimenti vivissimi per aver messo lodevolmente in luce un problema che, sovente, si finge d’ignorare. Chi scrive ha avuto modo di vedere, per ragioni di servizio tanta e tale fatiscenza.

  2. secondo me, la tassa rifiuti, applicata con tariffa per seconda casa e gravata ovviamente anche di IVA, per un appartamento non abitato (quindi consumi zero, dimostrabili) ed affidata ad agenzie in attesa di acquirente, è assolutamente inconcepibile, assurda, pretestuosa, prepotente, ingiusta, feudale…

  3. Ringrazio i tre commentatori, per la loro condivisione su quanto ho affermato nella’articolo, Se i nostri politici, locali e nazionali, oltre a discutere vanamente sui massimi sistemi, trovassero il tempo di affrontare i problemi reali, quotidiani, che la maggioranza degli italiani, in ciascuna delle mie tre situazioni analizzate, apparentemente diverse, eppure così eguali, perché frutto di una stessa disattenzione, forse il popolo votante potrebbe pian piano rivvicinarsi alla politica,, e per un momento accantonare i mostruosi privilegi resi illegali dal palese conflitto di interesse, di cui i nostri parlamentari e consiglieri comunali godono, Esempio: per 10 anni gli eredi di un ex sopracitato hanno diritto di viaggiare in autostrada gratis, comprese le tanto da loro vituperate coppie di fatto. Ma come, organizzate il family day, di cui peraltro io condivido in parte le motivazioni (affidare un bambino a una coppia comunque omosessuale è una pazzia, con tutto il rispetto. Siete omosessuali, benissimo, ma la vostra scelta vi impedisce la paternità o maternità: rassegnatevi. Anch’io avrei voluto progettare una chiesa, ma non so nppure disegnare, e allora? Rinuncio, mi adeguo al mio DNA),. Il figlio di Vendola, che è anch’esso un figlio di Dio, ora che è nato, e a cui auguro una vita serena, godrà dei vergognosi privilegi previsti:? La Regione Puglia è in testa per le prebende godute dai propri rappresentanti,, avrà la pensione/vitalizio del padre (la carità cristiana ci suggerisce di chiamarlo così)? Non si vergogna un politico, che affermava di fare politica per puro spirito di servizio ? Certo la nuova norma prevede la cancellazione della pensione per i consiglieri regionali, peraltro gravata da una valanga di ricorsi, guarda caso, E per il pregresso, è retroattiva ?
    Mi scuso sui lettori se insisto sui privilegi dei nostri politici, su quasi tutti i giornali mail di Alessandria. Finora non ho ricevuto nssuna risposta in merito. Pecunia olet o non olet? Specie quando è frutto di decisioni prese da SE’ PER SE’ ,SENZA UN ORGANO TERZO CHE ABBIA LA FACOLTA’ DI DECIDERE. E’ come se il Collegio dei Docenti di una scuola decidesse di aumentarsi lo stipendio, e facesse ricorso se il Tesoro non accogliesse la decisione, magari unanime. Vi sembra sballato il paragone? Ogni Assemblea legittimata, anzi imposta, dallo Stato, ha le stesse prerogative, o no? Ma loro sono eletti dal popolo, i docenti assunti dallo Stato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...