Dice Annamaria Furlan

Domenicale Agostino Pietrasanta

furAnnamaria Furlan è personaggio cauto, prudente, persino un po’ appartato, dal momento che non ostenta pubbliche e rumorose apparizioni; nello stesso tempo, fino a prova contraria, risulta indenne da ogni tresca di corruzione ciò che succede molto più spesso ai politici che non ai sindacalisti. Per quanto appartato, tutti sanno che il personaggio ricopre la carica di Segretario generale della CISL e come tale, un paio di giorni addietro, ha dato mano alla tastiera del PC (una volta si diceva, ha preso carta e penna) ed ha scritto una lettera aperta, che ha affidato alla pubblicazione del quotidiano di “ispirazione cattolica” chiamato anche “dei vescovi italiani”. Il titolo, non so se imputarlo alla segretaria/scrittrice o al direttore del giornale, recita “Sei idee per l’Europa”.

Il ragionamento fila serio e coerente. Rilevata la condizione pericolosa delle sfiducie giovanili e le precarietà dei troppi disoccupati che si contano all’interno dei Paesi dello sviluppo avanzato (denuncia di papa Francesco), la Furlan ne paventa le conseguenze di diffusione dell’ideologia distruttiva e dei populismi vincenti. Ciò posto ne individua le cause nella mancata realizzazione di una politica europea capace di accompagnare sviluppo, globalizzazionme e precarietà. Senza nulla togliere alla necessità di un prudente rigore finanziario, accusa, senza reticenze, un meccanismo perverso che ha permesso, in un contesto europeo, che le dinamiche inevitabili del rigore non si siano accompagnate ad una politica economica non già imposta dalla prepotere degli Stati nazionali più forti, ma concordata dall’Europa nel suo complesso e nella sua autorevolezza istituzionale.

Sarebbe semplice osservare che l’Europa è come l’araba fenice; siccome però la Furlan, per nulla sprovveduta, lo sa ben meglio di me, all’analisi fa seguire una proposta in sei punti, con tutta evidenza le “sei idee” del titolo. Le cito alla lettera. 1) Avviare l’unione fiscale (evidentemente come politica europea); 2) Creare un ministro del Tesoro europeo; 3) Passare dal Fiscal Compact all’Investman Compact (come dire da uno scarso trattato di stabilità ad un piano per i grandi ivestimenti a livello europeo; ma non era questa la proposta abortita di Renzi?); 4) Avviare una politica della sicurezza e della difesa europea; 5) Un fondo europeo dei sussidi per la disoccupazione. Molto bene, ma io avrei aggiunto: una politica estera affidata all’Europa.

Tutto bene e del tutto condivisibile, ma questo significa avviare la federazione europea, ciò che oggi costituisce un’utopia dalle improbabili prospettive. In ogni caso, quando una proposta trova espressione in un’indubbia aurtorevolezza personale riesce sempre a veicolare qualche speranza. Per parte mia aggiugerei, rivolgendomi alla segretaria CISL, tre domande. Di tutto quanto propone cosa ne pensano gli altri sindacati confederali della nostra nazione? Ne ha discusso con la sua collega tanto presente nelle più varie apparizioni? (prima domanda); nella lettera, la Furlan dimostra il realismo necessario per coinvolgere nel suo progetto il sindacato europeo: ne ha parlato con qualcuno? Sono consapevoli della rottura di continuità in una politica tanto coraggiosa? (seconda domanda); cosa pensa della necessità di mettere a servizio di una simile prospettiva le migliori energie di capacità, impegno e merito presenti in Europa? Si rende conto che esiste il pericolo che tali energie si dirigano fuori del continente? (altro che fuori d’Italia!), in definitiva si vuole, oppure no promuovere il merito, e non il privilegio e la raccomadazione? Ce la farà (lo vorrà?) il sindacato? (terza ed ultima domanda).

Non c’è dubbio: la via è stretta, ma, senza scomodare il Vangelo, è quella che rischia di salvarci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...