Anteo, memoria corta e Monti in difesa

Domenicale Agostino Pietrasanta

bertiNon è la prima volta che ricorro alla mitologia ed alla sua affascinante leggenda, ma l’occasione è tanto calzante che la tentazione ritorna. La cosa è ben nota: Anteo, gigante impressionante, figlio di Gea (la terra), non appena veniva abbattuto, a contatto con sua madre (la terra) risorgeva di bel nuovo. Più cadeva e più si rialzava. Solo Eracle (Ercole) la pensò giusta: lo sollevò da terra e, così sospeso, lo soffocò.

Voi comprenderete che pensando ad Anteo, l’associazione al sovrano di casa nostra mi viene del tutto spontanea; purtroppo, per quanto mi lambicchi il cervello non riesco a trovare adeguate associazioni con Eracle. Non la trovo in Letta che onestamente cerca con ordinario approccio di salvare l’esecutivo (vedete un po’!) dalla sua maggioranza e non la trovo in Monti. Il professore infatti si presenta alla televisione e con atteggiamento misto di correttezza ed imbarazzo, imputa al governo la responsabilità di aver ceduto sull’IMU e non si rende conto (o ne da l’impressione, che poi è la stessa cosa) che si tratta di un argomento che per lui dovrebbe essere tabù; andate a dire, non solo ai fedeli elettori del cavaliere, ma anche ai tartassati dal fisco, cioè a tutti gli italiani, che questo capitolo non va ad onore (?) del PDL e vedrete cosa vi rispondono. Si potrebbe scoprire presto che si tratterebbe di una bufala o di una inezia, ma per intanto, sul momento, tutto serve alla rinascita di Anteo.

Monti non tiene conto di una cosa: anche gli Italiani popolo di “brava gente” non riescono a far la parte di Ercole, perché hanno una memoria più inesistente che corta e non ricordano che quando il professore , a novembre del 2011, ha assunto l’incarico dell’esecutivo, l’Italia non era sull’orlo del baratro, ma era già sulla riva del precipizio, tirata per i capelli da Napolitano. Gli Italiani, che hanno la memoria inesistente più che corta non ricordano che nel giro di poche settimane hanno evitato il più straordinario tracollo che la nazione stava per subire. Tutto si potrebbe sperare, ma non certo che gli Italiani possano interpretare il ruolo di Eracle (Ercole).

Peraltro il Monti, operata la fase salvezza non ha agito con la conseguente coerenza; se per un momento sarebbe apparso nelle vesti dell’eroe mitologico, subito dopo non ha messo in campo la mossa del sollevamento di Anteo e della sua sospensione, procedendo ai tagli di spesa di cui molto ha parlato, ma  poco ha fatto. In quel momento, se si fosse proceduto con immediatezza, Anteo l’avrebbe vista brutta e, forse, risolutiva perché difficilmente qualcuno si sarebbe azzardato a far cadere l’esecutivo.

Invece niente; ma non si può pretendere da un onesto e competente professore di far la parte di Ercole e, di conseguenza, se vogliamo usare l’espressione di Machiavelli, non è stato “virtuoso”; ha sperato nella buona stella e la speranza, in politica, almeno per Machiavelli, è un peccato.

La conseguenza è sotto gli occhi di tutti: senza tagli alla spesa non si può quadrare la riduzione del carico fiscale e gli Italiani, dalla memoria inesistente più che corta, sono affascinati dalla soppressione (?) dell’IMU.

Ed Anteo trionfa. Anzi attacca senza pudori dal momento che avverte Letta che, se non avrà salvacondotto per i suoi reati farà, cadere il governo. Detto alla buona, significa semplicemente che la nazione deve risolvere i suoi interessi personali, anche se criminosi (che si tratti di crimini lo dice, con sentenza definitiva la Cassazione: per quanto mi riguarda, “parole non ci appulcro”). E non ditemi che non c’è coerenza, perché l’unto sovrano l’ha sempre detta così; sono gli altri, sono gli Italiani, o almeno la maggioranza dei cittadini, che non l’hanno voluta sentire.

Ed ancora una volta si potrebbe temere che si troverà una scappatoia per tenere in vita l’eterno Anteo; almeno fino a che non si farà strada la figura di Eracle (Ercole).

Annunci

One thought on “Anteo, memoria corta e Monti in difesa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...