Non evado e sopravvivo

Domenicale Agostino Pietrasanta

fasDico una banalità, una delle tante che mi succede di scrivere ed imporre ai miei rarissimi lettori: ci sono abitudini buone e ci sono abitudini cattive. Io, ad esempio, considero pessima abitudine ricorrere al turpiloquio, anche se non capisco mai se consegue maleducazione o ignoranza; spesso si dicono parolacce perché non si ha dimestichezza con la lingua italiana. Resta il fatto che salutare non solo gli amici, ma i conoscenti del proprio condominio o del proprio rione sia una buona abitudine. Insomma, ci sono abitudini ottime o buone ed abitudini pessime e censurabili.

C’è però un’abitudine che ho sempre considerato ottima, ma sulla quale ora nutro qualche perplessità. Forse si tratta di un’abitudine ora buona ed ora pessima a seconda dei contesti in cui viene ad operare. Io mi ostino a pensare che sia ottimo comportamento chiedersi il perché delle cose, voler conoscere la cause degli accadimenti ed anche, poffarbacco, delle dichiarazioni dei politici. E qui casca l’asino, in altre parole, da asino, mi blocco.

Così in questi giorni mi chiedo perché Fassina abbia dichiarato la sua sofferta comprensione per gli evasori fiscali, dal momento che devono sopravvivere. Potrei dire al Fassina che la quasi totalità di coloro che sopravvivono sono i pensionati a meno di mille euro al mese, i quali non potendolo fare non evadono, anzi sopportano anche il peso degli evasori che si comportano ovviamente in ragione di “comprensibili motivazioni” di sopravvivenza. Così facendo però esco dal tema: obietto anziché tentare di capire (l’abitudine sta rischiando di diventare pessima) perché il Fassina ha fatto una simile dichiarazione.

Cerco di elencare. Avrà voluto imitare Berlusconi? In effetti il cavaliere, bleffando e celiando sull’evasione, se non altro, ha pescato nel consenso degli elettori o di quei pochi che sono rimasti. Ma non voglio pensare tanto maliziosamente!

Avrà forse trovato un motivo di divisione all’interno del PD? Tutti sappiamo quanto impegno la sinistra ci mette nel trovare ragioni di distinguo nella propria parte e dunque qui potremmo trovare una risposta, tanto più che la Camusso si è subito scagliata a cannonate, obbligando Epifani a difendere il suo sodale; e fa un bel vedere un leader “passato” della CGIL distinguersi dal segretario del presente; ma si sa: cosa sarebbe la politica senza la dialettica, soprattutto quando quest’ultima invece di costruire fa perdere voti?

Però, siamo seri, di motivi per dividersi ce ne sono già troppi, non c’è bisogno di evocare l’evasione fiscale, argomento che, all’interno della sinistra dovrebbe essere tabù. C’è da scegliere il futuro premier, c’è da stabilire il nome del futuro segretario del partito, ci sono da fissare le regole del congresso, ci sono i temi “eticamente sensibili”; c’è di tutto e di più. Per dividersi la sinistra non si lascia mancare nulla; lasci stare l’evasione fiscale: ora soprattutto che anche l’eminente Bagnasco ha scoperto che si tratta di atteggiamento moralmente censurabile!

Eppure ci sarebbero alcune domande che rimangono senza risposta. Abbiamo la pressione fiscale tra le più alte, se non la più alta del mondo: perché lo si continua a dichiarare come se fosse la scoperta del giorno e non si pone mano al problema? Tutti sanno che con tale pressione i consumi non possono aumentare dal momento che le classi medie ne vengono schiacciate; tutti sanno che senza incentivo ai consumi non ci può essere crescita ed allora perché lo si continua a dichiarare senza tentare una risposta adeguata e coerente? Tutti dichiarano, un giorno si e l’altro pure che se tutti pagassero le tasse, ne pagheremmo di meno e la pressione crollerebbe di conseguenza: vi posso assicurare, a nome dei tartassati di tutte le parti politiche che siamo stufi di sentircelo ripetere. Vorremmo invece sapere perché a certe dichiarazioni non conseguono comportamenti conseguenti.

E dunque ricasco, proprio da asino, nella pessima abitudine di chiedermi il perché delle cose. Abitudine ottima in un contesto normale, pessima nella sfascio e nello strame della politica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...